Monday, October 17, 2005

Goccia

Sospeso in una nuvola di fumo,
note carezzevoli sospingono l'animo
a girovagare in domande
che si sollevano come bolle trasparenti
e restituiscono il riflesso argenteo
di un'attesa.
Specchio leale, per una volta
cerco il mio viso in un cielo lattiginoso,
in un pomeriggio autunnale...
Atmosfera di cristallo, irreale,
in cui mi scopro per la prima volta,
fragile.
Passato che ritorna con chiarezza,
nostalgica.
Malinconia evanescente di scene,
ricordi.
Volo in queste melodie,
danza di aspettative.
Attesa, calma,
serenità pagata al prezzo della coscienza.

4 Comments:

Blogger entropia said...

Perche il tuo animo si interroga continuamente? come tu giustamente scrivi le domande sono bolle trasparenti....già spesso sono inconsistenti....mi incuriosisci....

8:43 PM  
Blogger MasterAmino said...

Bravo/a! ma perche' Schopenhauer?

1:29 AM  
Blogger entropia said...

Non penso assolutamnte tu sia un fenomeno da baraccone! perdonami, se ti ho lascito intendere questo...Anche io sono una persona molto inquieta....forse oggi mi faccio meno domande di un tempo, solo perche non ne ho mai trovato la risposta...la mia non è rassegnazione, ma è solo imparare a vivere la vita di getto senza mediazioni della mia mente.....

4:01 PM  
Blogger entropia said...

la mi a curiosità? è sapere chi sei veramente..quale risonanza della tua anima si cela dietro le bellissime parole che usi......
Silvia

1:45 PM  

Post a Comment

<< Home