Wednesday, May 31, 2006

Dopo nove mesi, aveva una pancia molto grande.
"Esco".
"Dove vai?...Devi partorire oggi...Non uscire..."
"Madre, é un parto naturale, come puoi sapere che partorirò oggi? Nascerà quando sarà il momento..."
"Mamma ha ragione, dove vai?"
"Sorella, anche tu?"
Nessuno poteva fermarla. Uscì. Ma si sentì subito male. Il bambino stava dando ragione a sua madre e a sua sorella.
"Ho paura...come farò a superare tanto dolore?....Come é possibile?...E il padre...non voglio che assista...non voglio...Non ho nulla a che vedere con lui...non voglio che ci sia...mandatelo via..."

"É nata...é nata!"
"Io devo andare..."
"Ma dove vuoi andare? non puoi nemmeno camminare..."
"No, devo andare, é molto importante...devo andare". Uscì, senza sapere che volto aveva sua figlia. Solo sapeva che era nata viva.

Barcollando sulle sue gambe stanche, uscì. Doveva fare assolutamente quell'esame. Era molto molto importante. Si sedette di fronte al professore. Le sembrava estremamente familiare. Cominciarono le domande, e così arrivarono anche le risposte.
Uscì, la madre la stava aspettando fuori. Le corse incontro. La sostenne. "Ma guarda, nemmeno ti reggi in piedi". "Madre, come sta la bambina? come é? é brutta o bella? a chi assomiglia, a me o al padre?"
"Assomiglia a te".
Allora non é brutta, pensò lei...sono una pessima madre, ho abbandonato mia figlia...me ne sono andata..."Madre, corri, corri, devo andare da mia figlia, corri madre, corri"...

Entrò nella stanza dove un gruppo di persone si affollavano attorno alla culla. Il padre, e la sua famiglia, guardavano e cercavano di prendere fra le braccia la bambina: le sorelle, la madre...sembravano un esercito di mendicanti. Lei entrò, guardò la scena, angosciata.
"Lasciatela, lasciatela, non la toccate..." scansava, con tutte le forze che le restavano, quella gente inutile.."lasciatela, non la toccate, questa é mia figlia...é bella, sì...é mia figlia, questa é mia figlia...mia, mia..."

2 Comments:

Blogger Perplejo said...

Un poco de piedad para los que no somos políglotas.

Noname

8:52 PM  
Anonymous shoppingbag said...

Direi la stessa cosa io per i post in spagnolo....
Va beh.
Bello quello che hai scritto, ma mi ha messo una angoscia tremenda.
Un baciotto

2:21 PM  

Post a Comment

<< Home